Pubblicato il Lascia un commento

Restyling tavolo noce massello Polla Salerno vallo di Diano

Restyling tavolo noce ricostruzione piano fasce prolunghe castagno Sant'Arsenio Salerno
Restyling tavolo noce ricostruzione piano fasce prolunghe castagno Polla Salerno

Epoca: primo metà XX° secolo

Stile: Eclettico

Provenienza: Polla, vallo di Diano, SA, Italia meridionale

Descrizione: Tavolino allungabile in noce massello. Fattura artigianale locale, buona qualità in cattive condizioni di conservazione. Mancanti piano centrale e completamente da rifare le fasce inferiori.

Restauro:  Il mobile era in condizioni di conservazione precarie. Il centro del piano presenta un foglio di compensato che mal si adatta al tavolo in noce massello. La zona inferiore dei piedi è completamente da rifare, in buone condizioni solo gli elementi centrali. Il tavolo è stato levigato e sono stati rimossi tutti gli elementi non adatti o in cattive condizioni. Il piano è stato ricostruito con due tavole antiche in castagno massello, mentre le prolunghe mancanti sono state ricostruite ex novo sempre utilizzando castagno massello. La struttura del tavolo era compromessa per questo è stato smontato e sono state ricostruite le due fasce laterali in noce massello sul modello di quelle preesistenti ma non più utilizzabili. Riassemblato e reincollato il tavolo è stato tinto noce chiaro e successivamente verniciato a spruzzo.

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

Restyling di un tavolo rustico in legno misto

Restyling di un tavolo rustico in legno misto
©RestauriRaia.com Restauro, ristrutturazione e restyling di manufatti in legno.

Epoca: primo quarto XX° secolo

Stile: Rustico

Provenienza: Vallo di Diano, SA, Italia meridionale

Descrizione: Tavolo rustico in arte povera realizzato con legno misto autoctono della zona. Piedi in castagno, piano e elementi orizzontali in abete, elementi ribaltabili in abete. Costruito con buona maestria si tratta di un tavolo solido e destinato a durare nel tempo anche se realizzato con legni di non elevata durabilità nel piano e negli elementi orizzontali.

Restauro:  Il mobile era in condizioni di conservazione precarie. Attaccato in modo esteso dagli insetti xilofagi, e ricoperto da numerose serie di riverniciature che nascondevano stuccature e rattoppi distribuiti su tutto il tavolo. Il tavolo è stato completamente sverniciato per portare il legno originale a “respirare” e poter essere trattato contro gli insetti del legno. Ripristinati i volumi del tavolo con stuccature e rimozione di cornici non originarie si è optato per una laccatura anticata.

Pubblicato il Lascia un commento

Come lavoro, prodotti e tecniche

©RestauriRaia.com Restauro, ristrutturazione e restyling di manufatti in legno.

Ho una formazione universitaria ma ho frequentato una bottega antiquariale. Coniugo queste esperienze alla pratica quotidiana e al costante studio e aggiornamento necessari nella pratica di questo mestiere dove non si smette mai di imparare, soprattutto dal passato.
Cerco prima di incominciare un lavoro di inquadrare storicamente e stilisticamente il mobile che mi trovo di fronte individuando gli interventi che ha subito nel corso del tempo e lo stato di conservazione generale del pezzo.
Gli interventi che vado ad effettuare sull’oggetto hanno carattere conservativo e di ripristino per quanto possibile di una condizione quanto più vicina a quella originaria avendo come unica preclusione l’unicità che il pezzo ha raggiunto sia da un punto di vista estetico che da un punto di vista storico includendo in questa unicità anche gli interventi non originari.
I prodotti che utilizzo per il restauro di un mobile sono compatibili con l’età del pezzo su cui opero, per cui dove necessario utilizzo colle, consolidanti, fissanti e vernici di origine animale e vegetale, in poche parole quelli utilizzati nel momento in cui l’oggetto è stato creato.
Non disdegno l’utilizzo di prodotti di nuova generazione né di origine industriale in tutte le fasi di lavorazione, questi garantiscono una maggiore aderenza alle necessità quotidiane di fruizione dell’ oggetto.
Le tecniche di restauro perseguono gli stessi principi degli interventi cercando di utilizzare tecniche di lavorazione e finitura compatibili con l’età del pezzo ad esempio (verniciatura a stoppino, stuccatura con colla di coniglio e pigmenti), ma non ha un ruolo secondario l’utilizzo che dell’oggetto si andrà a fare.

Pubblicato il Lascia un commento

Restyling tavolo allungabile in abete massello

Restyling di un tavolo allungabile in abete massello

Pubblicato il Lascia un commento

Ristrutturazione di una serie di infissi in rovere

©RestauriRaia.com Restauro, ristrutturazione e restyling di manufatti in legno.

Infissi in rovere, anni 70 del XX° secolo, Botrugno, LE.

Stato di fatto prima dell’intervento

Serramenti in legno di rovere di non buona fattura. In passato i serramenti sono stati oggetto di un importante intervento di falegnameria per cercare di mitigare errori di progettazione. Le fasce in ottone sono state aggiunte in questo intervento.
Lo stato di conservazione dei serramenti era discreto: numerose ridipinture impedivano la corretta funzionalità degli infissi, tuttavia il legno era in buone condizioni di conservazione.

L’intervento

L’obbiettivo dell’intervento era in primo luogo ripristinare la funzionalità dei serramenti, in secondo luogo eliminare le vernici stratificate per utilizzare una vernice protettiva di migliore impatto estetico e soprattutto di più semplice manutenzione. La rimozione delle vernici presenti è stata la prima operazione, necessaria per avere un quadro chiaro delle condizioni dei serramenti. E’ stato utilizzato lo sverniciatore liquido per eliminare la vernice tra listello e listello. difficilmente raggiungibile con altri utensili meccanici.
Per le superfici piane si è proceduto con una rimozione meccanica utilizzando uno scalpello trasversalmente al piano per far sollevare dal supporto la vernice.
Eliminate grossolanamente le vernici in questo modo si è passato alla carteggiatura con levigatrice elettromeccanica per ottenere una superficie levigata e pronta per assorbire la nuova vernice.
Sono stati necessari alcuni interventi di falegnameria e stuccature diffuse.
Successivamente si è proceduto con la verniciatura data a pennello in tre stesure.
Alcune immagini di confronto danno l’idea del lavoro fatto
E’ stata scelta una vernice sintetica impregnante ad effetto cera della Amonn, il prodotto si chiama Lignex Renova plus.